Sposarsi in Calabria

Si Suona il Clacson ai Matrimoni

Si Suona il Clacson ai Matrimoni

Si Suona il Clacson durante il Corteo Nuziale - Si Suona il Clacson ai Matrimoni in Calabria.

Quando in Calabria si fa qualcosa si fa sempre in grande, e cosa c'è di più importante di un matrimonio, da festeggiare non in grande ma di più. Quando si festeggia, ogni cosa deve essere fatte secondo tradizione, e come per ogni matrimonio che si rispetti, non può mancare un corteo nuziale con tanto di continuo e ripetuto suonar di clacson. Il galateo suggerisce di non suonare il clacson, sicuramente poco elegante, ma la tradizione vuole che in Calabria si suoni il clacson per accompagnare lo sposo nel suo cammino al luogo della cerimonia di nozze.

Da lontano tutti potranno sentire il ripetuto suonar dei clacson delle auto in corteo che annunciano proprio l'uscita da casa dello sposo. La sposa a tal punto dovrà apprestarsi, per raggiungere il suo amato, non senza farsi attendere per un po'.

Anche il corteo della sposa esegue lo stesso rituale, suona ripetutamente il clacson, fino all'arrivo alla location della cerimonia, religiosa o civile che sia. Solitamente il corteo in particolari punti, magari dove ci sono dei quartieri abitati, suonano con più vigore in modo che tutti possano sentire. Quando, al termine della cerimonia, gli sposi si rimettono in macchina, il corteo riprende a suonare, magari nel giro d'onore nel quartiere degli sposi, fino all’arrivo al luogo del ricevimento, così tutti sapranno che la nuova coppia è formata agli occhi di Dio.

In molti paesi della Calabria questo rito è molto presente, soprattutto nei paesi di campagna, o di montagna, non c'è matrimonio che si rispetti che non faccia fede a questa usanza. Ricordo quand'ero piccina che me ne stavo sull'uscio di casa per sentire le auto suonare proprio per capire quando lo sposo lasciava la sua abitazione, e lo stesso alcuni minuti dopo con l'uscita della sposa. Poi quando finalmente la cerimonia si era conclusa, sentivo di nuovo le auto in corteo che suonavano con nuova energia, in modo alternato e ripetuto il clacson.

Potrebbe sembrare un rito di cattivo gusto questo, ma nei piccoli centri, si instaura un clima molto intimo e familiare, di complicità, per cui da una parte si fa in modo che tutti partecipino alla felicità della coppia appena unita in matrimonio, d'altra parte il vero motivo per cui si suona non è quello di avvisare tutti su ciò che sta accadendo, ma ha un significato ancora più profondo, legato agli spiriti maligni, infatti si pensa che far rumore, come suonare il clacson, possa tenere lontani gli spiriti maligni che potrebbero impedire la felicità degli sposi. Il suono del clacson può essere visto così come gli spari con il fucile, uno dei modi per creare frastuono, suoni e rumori per mettere in fuga gli spiriti maligni, una tradizione di millenni, già nell’antica Roma in particolari periodi dell'anno, quando gli spiriti maligni potevano scendere sulla terra, nei passaggi tra le stagioni o nelle notti considerate magiche, si ripetevano i rituali degli spari, i fuochi d'artificio dei nostri tempi per festeggiare San Silvestro, ma ora a festeggiare tutti il matrimonio, gli sposi suonano il clacson fino alla location del ricevimento di nozze, spazio al banchetto e alle danze.

 
<< Indietro
Instagram
Utilità...
Disclaimer Registra Azienda Contatti
Privacy Accesso Clienti  
Copyright